• lamentu di Ghjan Cameddu

    lamentu di Ghjan Cameddu

    Pour l'entendre et en connaître le contexte, sur le site d'Aullène http://aullenealbums01.free.fr/suzl/suzl_text001.html

    lamentu di Ghjan Cameddu

    Dal mio palazzu
    Cupertu à verdi fronde
    Sù la Tasciana
    Niente si nasconde
    Vedo Carbini è Livia
    Vedo Portivechju è l'onde
    Meditanto il caso mio
    La memoria si cunfonde.

    Cusì pensosu
    Privu d'ogni contentu
    Sfugar mi vogliu
    Con lacrimosu accentu
    Poveru Ghjuvancamellu
    Dà principiu al tuo lamentu
    Prego voi che m'ascoltate
    Compatire al mio talentu.

    Io son banditu
    Nel più bel fior di li anni
    Per mio fratellu
    Morti cun tanti affanni
    Dopu di avellu ammazzatu
    Fù brusgiatu in i so panni
    Ma speru ch ognunu dica
    Ch o sò natu cù li sanni.

    Napoleone
    Fratellu sventuratu
    D'una donzella
    Si n'era innamoratu
    Poi partì per la Bastia
    Con l'oggettu tantu amatu
    Non hè questu un gran delittu
    Quandu l'omu hè seguitatu.

    Ma il padre invece
    Con quel falsa ragione
    Il mio fratellu
    Lu fè metta in prigione
    Or considerate ognuno
    Quale fusse la cagione
    Conniscenda di sua figlia
    Tutta quante l'opinione.

    Quel uomo infame
    Mandò tutto in rovina
    È la sua figlia
    Chjamata Caterina
    La serrò dentro una stanza
    Corretta sera è matina
    Poi uccise il mio fratello
    D'un colpu di carabina.

    Subitamente
    Dopu averlo ammazzatu
    Si sottomesse
    Al perfido giuratu
    È con mezi ed influenza
    Fù ben tosto giudicatu
    Senza dubbiu in consequenza
    Vense assoltu è liberatu.

    Ma per sua sorte
    Quell uccisore ingratu
    Da u pellegrinu
    Anch'ellu fù ammazzatu
    Oggi davanti al Signore
    Confesserà il suo peccatu
    Dirà ben chè l'unu hè mortu
    È l'altru disgraziatu.

    Disgraziatu
    Son io per la furesta
    Tutto l'inverno
    Espostu à la timpesta
    Sempre errante è pellegrinu
    Ditemi chì vita hè questa
    Una petra per cuscinu
    La notte sottu la testa.

    O contentezza
    O pace mia gradita
    Dove ne andaste
    Dolcezza di mia vita
    O Carbini il bel soggiorno
    Di stagion bella hè fiorita
    Di ritorno à l'alegrezza
    La speranza oggi hè finita.

    Il portavista
    Tandu versu Livia
    Vogo i nemici
    Delbos in cumpagnia
    Vego prendere il caminu
    Di Zonza è Santa Lucia
    Ma quandu ci scontreremu
    Li surtarà la piazza.

    O madre cara
    Tù chjami li to figli
    Uno hè sepoltu
    È l'altro nei perigli
    La tua voce più non sentu
    Nè meno li to cunsigli
    Prega l'angelo custode
    Chì la morte non lo pigli.

    Voi caro padre
    Sorelle del mio amore
    Pur lo comprendo
    Quanto vi piange il core
    La vostra trista esistenza
    Hè una vita di dolore
    Ma meglio hè starvine afflitti
    Che vive cun disonore.

    Caro fratello
    Io vendicar ti vogliu
    Ti l'hò promessa
    Sopra di quello scogliu
    Quando il tuo sangue gentile
    Bevette con gran cordogliu
    La tragedia di tua morte
    Tingerebbe più d'un fogliu.

    Quì cesso il canto
    Addio miei genitori
    Addio parenti
    Sostegno del mio core
    Della mia trista sventura
    Mi raccomando al Signore
    Il vostro Ghjuvancamellu
    Non vi farà disonore.

    http://aullenealbums01.free.fr/suzl/suzl_text001.html

    Partager via Gmail

  • Commentaires

    Aucun commentaire pour le moment

    Suivre le flux RSS des commentaires


    Ajouter un commentaire

    Nom / Pseudo :

    E-mail (facultatif) :

    Site Web (facultatif) :

    Commentaire :